Riccardo Regattieri: una giovane promessa della pallavolo


Riccardo Regattieri ha 17 anni e una grande passione per la pallavolo, che lo ha spinto a migliorare così tanto da aver ricevuto una convocazione alla selezione nazionale, dopo essere stato campione d’Italia a soli 13 anni.

Quando e perchè hai cominciato a giocare a pallavolo?
Ho iniziato a giocare a pallavolo seriamente in prima media, quando ho cominciato a non riuscire più a conciliare gli orari degli allenamenti di pallavolo e basket.

Hai sempre giocato nel ruolo di palleggiatore o avresti preferito fare lo schiacciatore e avere più possibilità di fare punto?
Da quando ho cominciato a giocare in squadre in cui è necessaria la suddivisione dei ruoli, ho sempre fatto l’alzatore e ne sono contento perchè non sono molto bravo a schiacciare.

Siete stati campioni nazionali under 13, eravate molto piccoli, com’è stato?
Sì, con la squadra di under 13 3vs3 abbiamo inizialmente vinto il provinciale, poi il regionale e e dopo aver perso solamente una partita in un’intera annata ci siamo trovati a giocare le finali nazionali ad Assisi, era il 2013.

È un grande traguardo giocare titolare in serie B a soli 17 anni.
Sì, è un grande traguardo, anche se avevo già fatto qualche esperienza quando avevo 15 anni, perchè il palleggiatore titolare era infortunato.

Come hai vissuto la convocazione alla selezione nazionale?
È stata una vera e propria sorpresa: ero dal meccanico e mia madre mi ha telefonato, dicendo che sarei dovuto andare a Roma per un allenamento. Mi sono davvero divertito, anche se il confronto con ragazzi di altezza che supera i 2 metri non è stato semplice per me. Il livello era molto alto e anche se molti dicono che ho le carte in regola per potermela giocare alla pari con questi ragazzi, solo io posso deciderlo.

Ti piacerebbe giocare a pallavolo a livello professionistico?
No, è la mia passione ma fare il pallavolista di professione non è tra le mie ambizioni.

 

Arianna Pellini
Veronica Taglietti
Nikol Antonini
Sara De Angelis
Lucia Ceruti

Previous PAOLO BARBIERI: I DISEGNI PRENDONO VITA
Next La formaggeria di Doubs tra tradizione e modernità

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.