UN SOGNO DIVENTATO REALTÀ: L’AEREO


Check-in, aeroporto, priorità boarding, partenze, voli intercontinentali e low cost… tutti vocaboli di uso comune per ciascuno di noi. Uno dei mezzi più conosciuti per trasferire merci ma soprattutto passeggeri è l’aereo. Esso è stato definito anche come l’invenzione che ha reso il mondo più piccolo, perché ci ha permesso e ci permette di spostarci in ogni momento e molto rapidamente in lungo e in largo per il nostro globo. 

Ma che cos’è l’aereo?

L’aeroplano o aereo è un aeromobile dotato di ali  rigide, piane e fisse che, sospinto da uno o più motori, è in grado di decollare e atterrare su piste rigide e volare nell’atmosfera terrestre sotto il controllo di uno o più piloti. Nonostante sia più pesante dell’aria, è in grado di volare grazie ai principi fisico-meccanici.

Grazie all’aereo è possibile per ognuno di noi spostarsi di migliaia di chilometri, in un qualunque paese estero con un viaggio di poche ore. Distanze che un tempo sembravano enormi si sono tramutate in brevi spostamenti e migliaia di persone nel mondo utilizzano l’aereo quasi ogni giorno come un mezzo molto più comune quali l’autobus o il treno. Ma l’aereo è anche la realizzazione del più antico sogno dell’essere umano, quello di Icaro che nelle “Metamorfosi” di Ovidio volò con delle piume d’uccello tenute insieme dalla cera.

Questo sogno è diventato realtà

Non è possibile credere che l’invenzione di un aeroplano possa essere la scoperta di un unico progettista, al contrario l’invenzione dell’aereo è stato il frutto di secoli di ricerche e studi che si sono arricchiti l’uno con l’altro.

Fin dai primi anni del cinquecento anche Leonardo da Vinci non restò immune al fascino dell’idea che l’uomo potesse volare. Ed ecco che gli studi sulle correnti d’aria e sul volo degli uccelli lo portarono a teorizzare in modo pratico dei principi di aerodinamica e a progettare il paracadute e le ali battenti. 

Nel 1890 troviamo le prove di volo da parte del francese Clement Ader che volò su un aereo a vapore a Parigi. Nel 1848 l’inglese John Stringfellow fece volare il primo monoplano a vapore senza pilota.  

“Chi ha provato il volo camminerà guardando il cielo, perché là è stato e là vuole tornare.” –LEONARDO DA VINCI

Il primo aereo

Il primo aereo di successo nacque il 17 dicembre del 1903 grazie ai due fratelli Wilburn e Orville Wright di Dayton, in Ohio. Il primo velivolo a motore sorvolò per ben quattro volte il cielo di Kitty Hawk nella Carolina del Nord. Il 22 maggio 1906 inoltre i due fratelli ricevettero il brevetto per il design del primo aereo o “macchina volante”. Successivamente questi aeromobili vennero utilizzati nella prima e seconda guerra mondiale per le ricognizioni e per qualche bombardamento. 

L’Evoluzione e il mondo attuale

Concorde

Nei decenni successivi molti scienziati e ingegneri progettarono altri diversi modelli di  aerei come quelli che utilizziamo oggi, ma si spinsero anche a creare dei modelli che potevano superare le leggi della fisica, come il Concorde, un aereo da trasporto supersonico prodotto da British Aerospace nel 1976, avente una maggiore capacità di carico e soprattutto una maggior velocità. Purtroppo a  causa di un incidente avvenuto nel 2000, che  causò la morte di centinaia di persone, non fu più fatto volare.

Stratolaunch

Questa grande invenzione ha cambiato molto la nostra vita, il nostro modo di pensare e la nostra cultura, ma come sappiamo il progresso della scienza non si  ferma e tutt’oggi si stanno studiando diverse tipologie di aereo come Stratolaunch per aumentare la capacità di passeggeri o aerei ad energie rinnovabili, per diminuire le emissioni di gas serra nell’atmosfera. 

“I fratelli Wright hanno creato la più grande forza culturale dopo l’invenzione della scrittura. L’aereo è diventato il primo World Wide Web, che avvicina persone, linguaggi, idee e valori.”
BILL GATES

Valentina Tessari, 3F, 2020/2021

 

Previous La figura femminile nel Ciclo carolingio
Next Nuove opportunità per il mondo: la rivoluzione del 5G

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *